Appunti dalla prima fila

 

Il cinema è spesso uno spettacolo intelligente mentre la tv nei casi migliori, è soltanto interessante. Pietro Bianchi

FO52 vi consiglia la lettura di “Appunti dalla prima fila”, una raccolta di recensioni cinematografiche scritte da Pietro Bianchi tra il 1955 e il 1964 su “Il gatto selvatico”, la rivista aziendale dell’ENI curata dal poeta Attilio Bertolucci. Il magazine si proponeva di essere un punto di incontro tra tutti gli intellettuali della grande famiglia del cane a 6 zampe.

L’agile libro, pubblicato dalla BUR, è un indispensabile manuale su come si dovrebbe fare critica cinematografica. Questa delicata disciplina ha avuto in Bianchi uno dei suoi più illuminati e profetici protagonisti. Un giornalista che ha sempre agito con grande onestà intellettuale e spesso fuori dal coro. Citando la prefazione al libro di Gianni Canova: “Pietrino” Bianchi non era uno di quei critici con la sindrome del giudice di Cassazione chiamato a emettere sentenze inappellabili. Non era un feticista del giudizio di valore. Nessuno come lui era in grado di definire i cineasti con tanta precisione e con un sorprendente dono della sintesi.”

Lontano da schemi e da parrocchie culturali di ogni sorta Bianchi ha intuito la grandezza di molte pellicole anche quando il clima generale dell’epoca le demonizzava. Una su tutte quella di Psycho. Il grande film di Hitchcock fu alla sua uscita completamente snobbato e non compreso dalla critica italiana eccetto che da Bianchi, il quale non esitò a definirlo un’opera d’arte. Ma questo è solo uno dei tanti episodi riportati in questo libro. Il critico parmigiano infatti mostrò questa lungimiranza verso il cinema di genere con grande anticipo rispetto a tutti. La sua cultura gli permetteva di stabilire relazioni extra testuali tra cinema e letteratura con costanti rimandi che aiutavano a connettere questi due mondi apparentemente differenti ma in realtà vicinissimi. Insomma la lettura di questa raccolta di critica cinematografica è, per utilizzare un singolo aggettivo, come amava fare Pietro Bianchi, indispensabile.

 

Author

<p>La redazione di F052 | Codici Culturali una risorsa per esplorare nuovi mo(n)di dedicati alla Cultura e alle Arti.</p>