"   Un corpo parzialmente nudo, disteso e immerso nell’algida luce mattutina di New York. Con questa inquadratura si apre Shame, secondo lungometraggio del videoartista inglese Steve