" Un artista inusuale, dirompente e di rottura, anarchico e autarchico nel suo essere tale, per questo sempre distintosi, insieme a pochissimi altri, nel panorama musicale

"   Secondo Roger Ebert (autorevole critico cinematografico statunitense) il video gioco non è arte, e mai potrà esserlo (http://blogs.suntimes.com/ebert/2010/04/video_games_can_never_be_art.html). Scrive sul suo blog che il videogioco, a

"   Borges ipotizzava che i sogni, o meglio, gli incubi, siano una prova che l’inferno esista davvero. In quella circostanza infatti, l’uomo vive esperienze terribili che