La fine dei Fantastici 4

 

Il 25 agosto, in edicola, nello scaffale che ospita gli albi dei Super eroi si compirà la profezia. Meno universale di quella dei Maya ma altrettanto funebre. Tra le copertine colorate ce ne sarà una, scura. O meglio avvolta in un involucro di cellophane nero. Trattasi del numero 323 (numerazione italiana) della testata I fantastici 4, il mitico quartetto creati nel 1961 da Stan Lee e jack “the King” Kirby.

“Quando chiuderete l’ultima pagina di quell’albo…niente più fantastici quattro” Parafrasando lo slogan che ne annuncia l’imminente uscita. Infatti in questa attesissima storia, uno dei 4 eroi morirà. I sicari sono gli autori Jonathan Hickman e Steve Epting che con questa trovata si sono garantiti un boom delle vendite ed una grande attenzione mediatica, non solo del settore fumettistico. Sia chiaro, quasi tutti i Super eroi, sono morti almeno una volta. Uno per tutti Superman. Sono puntualmente risorti ma sembra non sarà il caso di uno dei 4, che a questo punto, più che fantastico mi sembra sfigato.

Gli appassionati del quartetto in realtà sanno già tutto in quanto l’albo americano è uscito in America da un bel pezzo ma per i meno informati la suspence è alta e non saremo certo noi a rovinarvi la sorpresa.

Si spegnerà  la torcia? Lo spero, altrimenti la cassa da morto in legno non è consigliata. Esistono bare ignifughe? Reed Richards si ritirerà per sempre alle dimensioni di una gomma da cancellare? La donna invisibile si materializzerà prima della dipartita? In caso contrario nella bara non sarà possibile vederla. O sarà il simpatico forzuto arancione a lasciarci le penne, anzi le pietre? Le scommesse sono aperte.

 

 

Author

La redazione di F052 | Codici Culturali una risorsa per esplorare nuovi mo(n)di dedicati alla Cultura e alle Arti.