LA MATRIOSKA

 

Il mio barista crede che “These Boots Are Made for Walkin”sia una canzone dei Planet funk. Gli dico che e’ stata scritta da Lee Hazlewood, un grande cantautore americano ed è stata portata al successo dalla sua musa, Nancy Sinatra.

Il mio barista non crede che Frank Sinatra abbia avuto una figlia, peraltro cantante. Purtroppo non ho l’Ipad con me. Pensate  che lo accenderei per mostrargli la prova dell’esistenza della bionda cantante? Vi sbagliate. Se avessi l’Ipad con me, glielo spaccherei in testa, semplicemente. Un’applicazione che neanche il geniale Jobs aveva mai considerato.

Gli chiedo un atto di fede. In fin dei conti, gli dico, anche questo caffè che mi ha appena servito potrebbe non essere Illy. Ma come? Risponde indignato, mostrandomi la bustina con l’inconfondibile logo quadrato e rosso. Anche quello della CGIL è un quadrato rosso, potrei polemizzare, ma ha ragione. I prodotti hanno un marchio che ne decreta l’identità. Anche ogni singola opera d’arte ha un marchio però. Il proprio autore. E’ solo più complesso conoscerli e stabilirne la qualità.

Il mio barista non conosce Lee Hazlewood, che sarebbe il “quadratino rosso” della canzone in oggetto,  ma non per questo ritengo sia peggio di me. Semplicemente non può godere delle splendide ballate del grande “cowboy”. Tutto qui. Sarebbe lo stesso se io non conoscessi l’ottimo caffè che il mio barista mi serve ogni mattina. Non sarebbe un dramma. Continuerei a berne, di altre marche. L’inconsapevolezza di altri aromi e qualità mi preserverebbe da frustrazioni. Forse e’ meglio non sapere troppo, quindi? L’eterno dilemma. Io non ho molti dubbi in proposito. La cultura e’ come una matrioska perpetua. Una serie infinita di pezzi, gli uni dentro gli altri. Una composizione senza fine che riserva continue sorprese. Un viaggio che vale le pena di intraprendere seguendo una cartina che giorno dopo giorno prende forma e si dirama verso mille direzioni. Il carburante necessario è la curiosità. Costa poco, anche in tempi di crisi come questi. Sono sicuro che il mio barista, un uomo pragmatico, semplice ma intelligente, adesso muoia dalla voglia di ascoltare la versione originale della canzone dei Planet funk. Tornato a casa certamente andrà su You tube, altrimenti, perché si sarebbe appuntato il nome del cantante americano. Gli stivali sono fatti per camminare. Ebbene, buona passeggiata, amico mio. Ci sono tanti bei posti da visitare e belle canzoni da scoprire.

 

Author

<p>La redazione di F052 | Codici Culturali una risorsa per esplorare nuovi mo(n)di dedicati alla Cultura e alle Arti.</p>