“La speranza è una trappola”, i Linea77 ricordano Monicelli

In attesa di notizie più precise sull’ep in uscita prossimamente, i Linea77 hanno appena pubblicato il secondo singolo tratto dallo stesso, “La speranza è una trappola”, title-track del nuovo lavoro, che arriva dopo “Il veleno”.

Questa mattina l’annuncio della band sul proprio profilo Facebook, e la pubblicazione del brano su YouTube, con una dettagliata spiegazione.

“E’ una canzone che vuole essere una citazione, e allo stesso tempo un tributo, alle parole di un grande italiano e un grande uomo: Mario Monicelli. Parole pronunciate da lui stesso in una delle sue ultime apparizioni televisive, esattamente in un intervista a “Servizio Pubblico”, andata in onda poche settimane prima della sua morte (29 Novembre 2010, ndr)”.

Cliccando qui trovate la sua intervista integrale.

“Siamo rimasti folgorati da quella dichiarazione e dal coraggio disperato di quel grande personaggio della storia e della cultura italiana, che in barba ad ogni anatema, ha rivendicato il diritto al libero arbitrio, restando presente a se stesso fino all’ultimo istante della sua lunga vita. Sono parole forti le sue. Vere, coraggiose, scomode, commoventi, illuminanti. Parole che solo un uomo della sua tempra avrebbe avuto il coraggio di dire apertamente a tutta l’Italia in un periodo così cupo e difficile. Con il massimo rispetto abbiamo cercato di ‘trasformare’ quelle parole in una canzone, non tanto per il semplice gusto della citazione, ma bensì per dare il nostro piccolo contributo affinché non vadano perdute nel nulla, perché anche se ‘giovani’, sono parole che ormai fanno parte della memoria storica del nostro popolo. Noi siamo figli di operai e nipoti di partigiani, e se abbiamo quello che abbiamo è grazie agli uomini e alle donne che hanno lottato in passato per costruire un ‘Italia migliore’. In quanto artisti è nostro dovere (e onore) rendere omaggio a questi uomini, e Mario Monicelli è senza dubbio uno di loro”.

Di qui il testo della canzone:

NOI NON SIAMO FIGLI DELLE STELLE, SIAMO FIGLI DELLE TENEBRE
CORPI BEN CURATI CHE DIVENTERANNO CENERE.
SIAMO QUELLI CHE OCCHIO PER OCCHIO DENTE PER DENTE
“STUPIDE GALLINE CHE SI AZZUFFANO PER NIENTE”.
NOI SIAMO FIGLI DI UNA MADRE OPPORTUNISTA
CHE CI HA PARTORITO CON IL PREZZO DIETRO AL COLLO.
SIAMO UNO SBAGLIO. CANI AL GUINZAGLIO. UN CHIODO MESSO STORTO. CARNE DA MACELLO
E QUANT’È BELLO LASCIARSI NAUFRAGARE IN QUESTI GIORNI NERI CHE SEMBRAN CIMITERI,
DI TROIE E CALCIATORI, E MERDE SOTTO IL SOLE CHE MAI DIVENTERANNO FIORI.

PRODUCI, CONSUMA, CREPA.
TORNA CASA. FATTI UNA SEGA.
GUARDA LA TELE, DORMI, PREGA.
DI TUTTO IL RESTO CHI SE NE FREGA.
NON CI PENSARE, SPERA, TIFA.
OGGI È DOMENICA.
C’È LA PARTITA.
DELLA TUA SQUADRA PREFERITA.
ALLELUIA!

LA SPERANZA È UNA TRAPPOLA
LA PILLOLA MAGICA
LA MEDICINA SEGRETA DI TUTTI I GOVERNI
PER TENERCI ZITTI E CALMI
LA SPERANZA E’ UN INGANNO
UN MIRAGGIO
L’ILLUSIONE
IL PECCATO CHE INDUCE IN TENTAZIONE
E’ LA PAURA CHE CI CONSUMERÀ
LA SPERANZA È UNA TRAPPOLA

NOI NON SIAMO FIGLI – NE DI ADAMO ED EVA
NE DI UNA BANDIERA
SIAMO I FIGLI DI UN PAESE INESISTENTE,
LA PENISOLA DEL BEL CANTO,
UN ESPRESSIONE GEOGRAFICA, NIENT’ALTRO.
SIAMO SCHIERE DI PAZIENTI SOTTO IPNOSI,
E COME ZOMBIE CI NUTRIAMO DI CASI UMANI
INTANTO, “NEL FANGO AFFONDA LO STIVALE DEI MAIALI”.
TI PREGO: SPARA JURI!
JURI SPERA,
MENTRE NOI CI LASCIAMO NAUFRAGARE IN QUESTI GIORNI NERI CHE SEMBRAN CIMITERI,
DI TROIE E CALCIATORI, E MERDE SOTTO IL SOLE CHE MAI DIVENTERANNO FIORI.

LA SPERANZA È UNA TRAPPOLA
LA PILLOLA MAGICA
LA MEDICINA SEGRETA DI TUTTI I GOVERNI
PER TENERCI ZITTI E CALMI
LA SPERANZA E’ UN INGANNO
UN MIRAGGIO
L’ILLUSIONE
IL PECCATO CHE INDUCE IN TENTAZIONE
E’ LA PAURA CHE CI CONSUMERÀ
LA SPERANZA È UNA TRAPPOLA

PRODUCI, CONSUMA, CREPA.
TORNA CASA. FATTI UNA SEGA.
GUARDA LA TELE, DORMI, PREGA.
DI TUTTO IL RESTO CHI SE NE FREGA.
NON CI PENSARE, SPERA, TIFA.
OGGI È DOMENICA.
C’È LA PARTITA.
DELLA TUA SQUADRA PREFERITA.
ALLELUIA!

Author

<p>La redazione di F052 | Codici Culturali una risorsa per esplorare nuovi mo(n)di dedicati alla Cultura e alle Arti.</p>