Le parole sono importanti

 

The Lyric Book Company è una piccola casa editrice specializzata nella pubblicazione di libri contenenti i testi di alcuni tra i più rappresentativi autori del mondo della canzone. Da noi, è la storica Arcana che ha inaugurato questo tipo di editoria.

Nell’era di internet, con le informazioni a portata di clic, potrebbero sembrare pubblicazioni anacronistiche ma è la stessa casa editrice inglese, nelle sue note di presentazione, a sottolineare che spesso in rete i testi non sono corretti o comunque spesso imprecisi. Per i fan più pignoli quindi questi eleganti volumi garantiscono quindi il più completo ed affidabile punto di riferimento. Tra i titoli editi o in uscita la raccolta di liriche di Ian McCulloch (Echo and the bunnymen); Chris Difford (Squeeze); Ice T e George Michael. Ma il volume che desidero consigliare è quello dedicato a Neil Hannon alias The Divine Comedy. I testi del geniale compositore pop, romantico per eccellenza, sono tra i più sofisticati degli ultimi anni. Un cocktail perfetto di ironia e decadenza e di ispirati giochi di parole. Le canzoni dell’irlandese sono racconti mai astratti o surreali e di conseguenza criptici, come quelli di molti blasonati autori, ma al contrario, estremamente concreti e narrativi. Nonostante la chiarezza offrono sempre diversi livelli di lettura e significato. Un raro esempio di belle melodie supportate da testi brillanti e mai banali.

133 testi, 160 pagine, 10 sterline. Questi i numeri di un libro che storicizza il percorso di scrittura di un cantante pop che merita in modo particolare di essere immortalato oltre che su policarbonato, anche sulla carta. Non si dice che la carta rimane mentre le parole volano? E poi, per uno che sceglie di chiamare il proprio gruppo La Divina Commedia, il destino, mi sembra, fosse già tracciato.

Nella sezione media, la canzone “The Booklovers”. Una incontrovertibile dichiarazione d’amore del cantante alla Letteratura. Un brano compilativo nel quale manca senza dubbio qualche scrittore italiano. Ce n’è solo uno e devo dire non troppo rappresentativo. Provate a scoprire quale. 

Author

<p>La redazione di F052 | Codici Culturali una risorsa per esplorare nuovi mo(n)di dedicati alla Cultura e alle Arti.</p>