Life is for living: i testi dei Coldplay secondo Dado Minervini

Nel 2007 aveva scritto un reportage di viaggio dopo un tour con Luciano Ligabue, nel 2008 un’appassionato ritratto di Domenico Modugno; da qualche giorno è tornato nelle librerie, ancora una volta sotto l’egida delle edizioni “Arcana”, con “Colplay. Life is for living”, un libro di commento ai testi della band britannica.

E così Dado Minervini ha aggiunto un altro prezioso nome alla sua breve ma già interessantissima attività monografica musicale. E ne ha ben donde.

Minervini, infatti, ancor prima che scrittore è un giornalista e tra i promotori di molti, e fortunati, cartelloni musicali pugliesi, tutti incentrati sul filone alternativo e indipendente ma, soprattutto, di qualità (vedi il CubeFestival, ndr). Negli anni ha collaborato con riviste di genere (chi ricorda la buonanima di Rockstar?, ndr) ed oggi è caporedattore di Controradio, nella sua Bari.

Tornando ai Coldplay, nello sviscerare la poetica di Chris Martin e compagni, l’autore parte dal concetto di amore, abusato nel pop ma intermittente nel rock. E’ proprio in questa intermittenza che si è innestata la band inglese, attraverso una rivoluzione che Minervini definisce “gentile” e che, senza protagonismi, lussi o eccessi di sorta, l’ha resa interprete dei sentimenti del terzo millennio.

Con “Life is for living”, il giornalista ne ricostruisce il percorso, partendo dai testi dei primi demo-tape e arrivando a quelli della consacrazione di “Viva la vida”. E’ l’analisi di un linguaggio stringato e dinamico, tipico di questa generazione, che però è nobile nei fini, poiché guarda alla solidarietà umana e alla riscoperta della normalità come unici strumenti validi contro un mondo fatto sempre più di ansie, paure e precariato diffuso. L’amore, insomma, in un’accezione più ampia, meno riduttiva rispetto a quanto siamo abituati a credere in Italia attraverso la nostra musica.

La storia decennale dei Coldplay che trasuda dai loro testi, insomma, diventa anche l’ottica che l’autore utilizza per raccontare questa prima decade del Duemila, avvalendosi anche della prefazione originale di Giuliano Sangiorgi, il leader dei Negramaro, spirito affine alla ricerca di Minervini.

Nei prossimi giorni, su F052, l’intervista all’autore.

Author

La redazione di F052 | Codici Culturali una risorsa per esplorare nuovi mo(n)di dedicati alla Cultura e alle Arti.