L’uomo delle stelle

 

Può un super eroe, proprietario di un negozio di collezionismo vintage, dopo migliaia di pagine di scazzottate, viaggi nel tempo e nello spazio, omicidi e flirt, ritirarsi a vita privata per prendersi cura del proprio figlio partorito dalla sua peggiore nemica, raggiungendo la fidanzata che sta per renderlo padre per la seconda volta?

La risposta è si. E’ quello che accade nella serie Starman di James Robinson, illustrata prevalentemente da Tony Harris (co-autore del personaggio) e Peter Snejbjerg. Jack Night, il protagonista, e’ il figlio di Starman, super eroe della cosiddetta Golden Age, ed eredita le responsabilità paterne in modo piuttosto anticonformista. Nonostante tutto, con il tempo, si dimostrerà un degno successore e diventerà, almeno fino alle dimissioni, il paladino della sua città. Opal City, con la sua architettura Art Dèco, sebbene non sia gotica e scura come Ghotam, pullula di criminali e di presenze mistiche. A causa loro, il singolare e ironico eroe, munito di occhiali da saldatore e asta cosmica, dovrà fare gli straordinari.

Robinson grazie a questa lunga saga, pubblicata dal 1994 al 2001, si è imposto come uno dei più influenti autori di fumetti e successivamente si è concentrato sulle gesta di Superman, il campione della DC comics. Ancora una volta, ha dovuto pensarci un autore inglese, a ridare smalto ai fumetti dei super eroi, i più amati dagli americani, e non solo.

La Planeta DeAgostini, anch’essa dimissionaria, o meglio, defunta, ha terminato la pubblicazione di Starman raccolta in 6 imponenti volumi (Omnibus) cartonati di oltre 500 pagine ciascuno. Le prestigiose ristampe contengono tutta la collana e i numeri speciali, tra i quali, spicca l’incontro tra Starman ed Hellboy, con i disegni del grande Mike Mignola.

Acquisto consigliato non solo a chi segue fumetti di eroi con super poteri ma, anche, forse ancor di più, a chi ama il grande fumetto di avventura e fantasy.

Author

<p>La redazione di F052 | Codici Culturali una risorsa per esplorare nuovi mo(n)di dedicati alla Cultura e alle Arti.</p>