Maledette superstizioni

 

Nei fatti che accadono c’è sempre qualcosa che sfugge. Mio cugino Mimmo ogni tanto mi fa notare qualcuna di queste cose che molti, immediatamente, non riescono a cogliere. Stamattina mi manda una mail per farmi notare che il naufragio della nave di crociera Costa Concordia è avvenuto nella notte di un venerdì 13. Si dice che di venerdì non bisognerebbe mai mettersi in viaggio. Non so se la cosa riguardi chi intraprende un viaggio o vale per tutti i viaggiatori, anche per quelli sorpresi dalla maledizione lungo il tragitto. Non saprei dire nemmeno se il fatto che si tratti di un venerdì 13 costituisca un ulteriore rischio per l’impresa.

Ognuno è libero di credere o meno a queste superstizioni – io, per esempio, non ci credo – ma ritengo che certe cose vadano comunque prese con beneficio d’inventario.

Altre circostanze che avrebbero dovuto far sorgere sospetti – non dico a tutti, ma almeno alle persone superstiziose – sono queste: alcuni ponti della Concordia sono intitolati all’Italia, alla Grecia, al Portogallo, all’Irlanda, paesi europei che, come si sa, hanno toccato il fondo. Ancora: a bordo della nave da crociera c’erano discendenti di alcune vittime del Titanic, colata a picco nel 1912, esattamente cento anni fa. Anche in questo caso in una notte tra il venerdì e il sabato. E poi, c’è quella storia che al varo della nave la bottiglia di champagne non si è rotta subito – una circostanza che secondo le credenze marinare sarebbe segno di cattivi auspici. Il fatto si trova su Youtube fin dal 2005; il video intitolato “Battesimo sfortunato”.

Ce n’era abbastanza, dunque, per mettere addosso una certa inquietudine. E, infatti, risulta che alcuni passeggeri abbiano deciso di interrompere il viaggio a metà.

Mio cugino Mimmo, inoltre, mi manda un’altra mail che ha intitolato “Mistero della storia”. E riguarda clamorose coincidenze in altri fatti storici. Ne riporto il contenuto: «Abraham  Lincoln è stato eletto al Congresso nel 1846. John F. Kennedy è stato eletto al Congresso nel  1946 [dunque, a un secolo esatto di distanza]. Abraham Lincoln è stato eletto Presidente nel 1860. John F. Kennedy è stato eletto Presidente nel 1960 [anche qui, a un secolo esatto di distanza]. Tutti e due si occupavano soprattutto di diritti civili. E le mogli di entrambi hanno perso un bambino durante la convivenza alla Casa Bianca. Tutti e due i Presidenti sono stati assassinati di venerdì. Tutti e due i presidenti sono stati uccisi con un colpo in testa. E adesso la cosa che sembra più strana: il segretario di Lincoln si chiamava Kennedy. Il segretario di Kennedy si chiamava Lincoln. Tutti e due i presidenti sono stati assassinati da due persone degli Stati del Sud. I successori dei due presidenti erano del Sud e si chiamavano Johnson. Andrew Johnson, successore di Lincoln, è nato nel 1808. Lyndon Johnson, successore di Kennedy, è nato nel 1908. Anche questi, a un secolo esatto di distanza uno dall’altro e la stessa cosa si può dire dei loro attentatori. John  Wilkes Booth, che assassinò Lincoln, è nato nel 1839. Lee  Harvey Oswald, che assassinò Kennedy, è nato nel 1939. E adesso tenetevi forte: Lincoln è stato assassinato in un teatro chiamato “Ford”. Kennedy è stato assassinato sopra un’autovettura modello Lincoln, prodotta dalla Ford. Booth e Oswald sono stati assassinati prima del loro processo. Per finire: una settimana prima che Lincoln fu assassinato, era a Monroe, nello stato di Maryland. Una settimana prima che Kennedy fu assassinato, era con  Marilyn Monroe».

Personalmente, io non credo a niente di tutto ciò. E mi consolo con questo. Come mi consolo del fatto di avere un cugino molto premuroso che va a scrutare segni misteriosi, subdolamente nascosti lungo l’insidioso cammino della vita. Senza di lui, cosa sarebbe di me?

Author

La redazione di F052 | Codici Culturali una risorsa per esplorare nuovi mo(n)di dedicati alla Cultura e alle Arti.