Marcel Wanders, il design esagerato per il Mondrian Hotel di Doha

Uova d’oro che adornano possenti colonne. Immagini pixelate a mosaico per le pareti e lampadari a goccia che fanno da pennacchio a gigantesche campane. Sono alcune delle eccentriche caratteristiche che Marcel Wanders ha progettato per gli interni dell’hotel Mondrian di Doha.

In uno dei quartieri più tranquilli della zona, fronte mare e ideale per chiunque desideri vivere lontano dal centro attivo della città, l’hotel a cinque stelle ospita 270 camere con otto ristoranti, bar e una sala da ballo di 2.000 mq.

Il designer olandese, classe 1963, è tra le firme più importanti del design al mondo. Dal 1996 ha spiccato il volo con il riconoscimento internazionale per la sua Knotted Chair di Droog, inserita da vent’anni nella collezione permanente del Museo di Arte Moderna di New York. E per il Mondrian Hotel ha creato un ambiente prosperoso di dettagli stravaganti.

Colonne bianche per la hall d’ingresso dell’edificio punteggiate da uova d’oro. Un salotto, nelle vicinanze, con tappeti floreali (del brand di mobili Wanders Moooi), alte sculture bianche stile “albero della vita” con led alla base e lampadari baroccheggianti stile veneziano.

L’atrio è dominato da una scala elicoidale nera che si estende su quattro piani, portando gli ospiti a una piattaforma panoramica. Le balaustre hanno un motivo ritagliato come se fossero di merletto, mentre l’intradosso è leggermente ricurvo come la parte inferiore di una diapositiva.

Al 27 ° piano si trova una grande piscina sormontata da una cupola in vetro colorato con motivi floreali, contrapposta dalla pavimentazione a scacchiera bianca e nera.

Lo studio degli elementi decorativi è partito dagli schemi compositivi arabi tradizionali e dalle immagini raffigurate nella raccolta di fiabe Le mille e una notte.

mondrian-marcel-wanders-corridoio
mondrian-marcel-wanders-interiors-1
mondrian-marcel-wanders-interiors-4
mondrian-marcel-wanders-piscina
mondrian-marcel-wanders

Infatti, Wanders spiega:

Per il design del Mondrian Doha, tutto quello che è locale, è molto importante in quello che progettiamo: per l’hotel, prima abbiamo studiato la città e le persone.

Marcel Wanders ha lavorato nel team dello studio South West Architecture e per la società di ospitalità SBE, sposando di principio la cultura del posto con un’estetica condizionata dal design moderno, ottenendo così che in ogni singolo spazio dell’hotel è narrata una storia.
Ecco perché l’area salotto delle camere da letto sono in gran parte rifinite da arredi morbidi color beige, che riecheggiano la tavolozza dei colori dei deserti del Qatar.

mondrian-marcel-wanders-interiors-2
mondrian-marcel-wanders-interiors-3
mondrian-marcel-wanders-interiors

Il Mondrian Doha è stato inaugurato nell’ottobre di quest’anno e segna il primo hotel che Wanders ha completato in Medio Oriente.

Riconosciuto per la sua estetica massimalista, il designer ha già creato interni ispirati al cioccolato per un hotel a Zurigo e ha riempito le stanze degli ospiti ad Amsterdam con oggetti che fanno riferimento all’età dell’oro olandese.

Author

Arte, arte e ancora arte. Non posso farne a meno... Il mio motto è: "Meglio essere piccoli e vedere grande, che essere grandi e vedere piccolo!"