Quarant’anni di musica immaginifica

 

Con due serate completamente sold out, quelle del 5 e 6 novembre scorsi, e un cartellone incredibilmente ricco ed autorevole di nomi italiani e stranieri, il festival romano Prog Exhibition è diventato un evento senza precedenti nella storia del rock progressivo italiano e, visto il successo, i numeri, i musicisti coinvolti e l’entusiasmante responso di pubblico e critica, ancheil principale festival progressive internazionale, con fan giunti da tutto il mondo (Giappone, Stati Uniti, Sud America, Europa).
Chi lo avesse perso, però, ora può evitare di continuare a mordersi i gomiti.
Il 31 maggio scorso, infatti, su etichetta Immaginifica e con distribuzione Edel, prodotto da Aereostella, è uscito il cofanetto Prog Exhibition: 7 cd e 4 dvd per 9 ore di musica che celebrano, anche con un booklet ricco di foto esclusive, l’evento che ha consacrato questi quarant’anni di musica immaginifica con i grandi mostri sacri, italiani ed internazionali, del rock progressivo. A distanza di un quarantennio dai festival degli anni ’70, su quei palchi che vedevano le stelle del rock inglese con gli emergenti della nostra pop music, il Tendaatrisce ha ospitato il meglio del prog italiano con leggendari special guest stranieri ma anche alcuni tra i giovani gruppi prog-rock come Sinestesia, Maschera di Cera, Periferia del Mondo e Abash.
La PFM – Premiata Forneria Marconi, la rock band italiana più famosa al mondo (l’unica ad aver scalato la classifica Billboard, ndr) ha diviso la scena con Ian Anderson, leggendario leader dei Jethro Tull. Aldo Tagliapietra, Tony Pagliuca e Tolo Marton si sono incontrati sul palco per la prima volta dopo 35 anni, insieme al grande David Cross, violinista dei King Crimson. Eccezionale ritorno anche per The Trip, al primo concerto dell’annunciata reunion, dopo una separazione pluridecennale. La Nuova Raccomandata Ricevuta di Ritorno con l’ospite Thijs Van Leer (flautista dei Focus) ha stupito come gli Osanna, carichi del loro calore partenopeo, allargati al pittoresco Gianni Leone del Balletto di Bronzo e David Jackson (sassofonista dei Van Der Graaf Generator). E infine il Banco Del Mutuo Soccorso, uno dei più rappresentativi esempi di progressive internazionale, arricchito da una vena melodica e romantica tutta italiana.
A 40 anni dalla nascita del rock progressivo, il cofanetto Prog Exhibition è un oggetto da collezione per tutti i cultori della musica immaginifica, un’occasione imperdibile per rivivere non solo un semplice concerto, ma un’indimenticabile mostra musicale live che può entrare di diritto nella storia della musica.

Author

La redazione di F052 | Codici Culturali una risorsa per esplorare nuovi mo(n)di dedicati alla Cultura e alle Arti.