TOY STORY

 

Ho sempre sognato di fare l’astronauta, come tutti i bambini della mia generazione. Oggi il sogno si avvera, o meglio, con poco meno di 100 euro, posso avere un surrogato di me in tuta da cosmonauta. Un pupazzo di circa 17 cm con le mie fattezze che soddisfi le mie infantili ambizioni e più in generale, il mio ego.

E’ sufficiente collegarsi al sito 3dminime, inviare alcune fotografie che mi ritraggano di profilo, frontalmente e da dietro (quella che mi preoccupa di più, vista l’incipiente calvizie), specificando chi sei, ma soprattutto, chi vorresti essere. Credo che lo farò. Sono indeciso tra l’astronauta, come dicevo, e Big Jim, pupazzo icona degli anni ’70.

Anche se, a pensarci bene, spendere 100 euro per stare in mutande non è un grande affare. Tra l’altro, in mutande ci sono già, come una gran parte degli italiani.

E poi, escludo che l’azienda 3dminime fornisca il mitico pulsante sulla schiena che faceva sollevare il braccio al palestrato bambolotto. A dirla tutta, vista la mia età, più che il braccio preferirei un pulsante che faccia alzare altro.

Avere un gadget di se stessi non sarà più prerogativa dei personaggi celebri ma un piccolo sogno o vezzo che tutti possono concedersi.

Certo, i desideri degli italiani sono cambiati. Sicuramente le richieste di pupazzi tronisti , veline o calciatori abbonderanno. Converrebbe invece farsi fare il pupazzo da parlamentare, con quello che guadagnano.

Illustrate le nuove frontiere dell’Ego gadget (come qualcuno ha definito questi giocattoli) direi che di uomini pupazzi ce ne sono già fin troppi, e quindi, concludo, auspicando che qualcuno escogiti qualcosa, per realizzare il processo inverso. Trasformare i fantocci in uomini. Invenzione che spero venga brevettata prima delle prossime elezioni.

Author

La redazione di F052 | Codici Culturali una risorsa per esplorare nuovi mo(n)di dedicati alla Cultura e alle Arti.