Tropical Islands Resort è il più grande parco acquatico del mondo è al coperto

Nei record di attrazione al mondo sappiamo in molti che gli States e i Paesi Arabi ne hanno spesso il primato. Ma se nelle ricerche vorreste sapere dov’è il più grande parco acquatico del mondo, la Germania probabilmente non vi viene subito in mente.

Eppur a quasi 50 km a sud di Berlino, all’interno di un ex hangar per dirigibili, che oltretutto in questo periodo invernale è coperto di neve, la destinazione verso il mare e il caldo è proprio lì.

Si chiama Tropical Islands Resort e si trova a Krausnick. È il più grande parco acquatico al coperto del mondo, ideale per una vacanza di Natale alternativa, quando alle temperature esterne si congela.

Tropical-Islands-Resort-1
Tropical-Islands-Resort-2

Ricopre un’area di circa 65.000 mq – come 9 campi da calcio – e può ospitare fino a 6.000 persone con servizi di divertimento per tutte le età. Un particolare focus per i bambini ai quali è dedicata un’area con giochi, acquascivoli e il Tropino Club con mini car, air hockey, navi dei pirati e un ristorante a menù esclusivamente baby.
E mentre i piccoli giocano e si scatenano anche gli adulti hanno i propri punti studiati per non annoiarsi: una laguna ridisegnata come quella che si può trovare a Bali con nicchie per la sauna e una folta radura, più un “mare tropicale”, che è grande quanto tre piscine olimpioniche, con spiaggia attrezzata di lettino a sdraio.
Il centro è dotato anche di un’area esterna, chiamata Amazonia, aperta tutto l’anno; pensata non solo per l’estate ma per chi ama il bagno all’aperto anche quando le temperature si abbassano sotto lo zero.

Il caso Tropical Islands innesca una serie di considerazioni d’interessante: in primis è un progetto di riqualificazione di un edificio in abbandono che comporta un riuso sapiente dell’indotto locale e poi serve d’ispirazione a tutti quei paesi non dotati di aree climatiche o morfologicamente attraenti a livello turistico, ma che in questa maniera hanno l’occasione di reinventarsi sbloccando nuovi meccanismi di offerta e maggiore appeal a livello interno e non solo.

Author

<p>Arte, arte e ancora arte. Non posso farne a meno… Il mio motto è: “Meglio essere piccoli e vedere grande, che essere grandi e vedere piccolo!”</p>