Una donna chiamata Fujiko

 

Se si evoca una giacca rossa, verde o rosa, non bisogna essere esperti di cartoni giapponesi per capire che si sta parlando di Lupin III. E’ proprio il colore della casacca molto più delle non indifferenti differenze di animazione e caratterizzazione dei personaggi, a distinguere le tre serie televisive dedicate al discendente nipponico di Arsenio Lupin e della sua brigata. Altra differenza tra le serie è il nome di Fujiko Mine che si trasforma in Margot. Un vero e proprio mistero che ha portato molti distratti a pensare che fossero due personaggi differenti nonostante la misura delle tette fosse la stessa. Comunque la si voglia chiamare, la conturbante ed egoista ladra ha popolato i sogni erotici di diverse generazioni. Mai, prima della sua apparizione si era visto in azione un corpo tanto generoso in un cartone animato televisivo. La rossa mozzafiato spesso lasciava intravedere rapidi scorci delle sue procaci forme. Ma non abbastanza. Oggi finalmente è possibile ammirarla nella sua nudità nella nuova serie di 13 episodi dal titolo LUPIN the Third /Mine Fujiko to iu onna.

Questa nuova serie, splendidamente sceneggiata ed animata, per la prima volta ci mostra una versione per rappresentazione e contenuti molto vicina al fumetto originale di Monkey Punch. Incluso l’elemento erotico che nel manga era molto accentuato e poi sempre attenuato nelle trasposizioni filmiche per ovvi motivi di censura. In questi episodi, non a caso incentrati sul personaggio femminile della banda, questo aspetto viene messo in grande risalto a cominciare dalla sigla iniziale che non lascia molto spazio all’immaginazione.

La serie sta riscuotendo in Giappone un grande successo, credo proprio in virtù di questa scelta. Spogliare Fujiko ha finalmente realizzato e convogliato il desiderio di tanti. Non so quale collocazione possa avere questo nuovo prodotto in Italia ma considerando che dopo il Giappone il nostro è il paese dove Lupin gode di maggiore popolarità certamente non tarderà a sbarcare anche da noi. Non so perché questo cartone sia tanto amato dagli italiani ma posso ipotizzare che la storia di un ladro e di una figa pazzesca non potesse passare inosservato nel nostro paese.

Author

La redazione di F052 | Codici Culturali una risorsa per esplorare nuovi mo(n)di dedicati alla Cultura e alle Arti.